Si può in qualche maniera prevenire la calvizie?

Non é corretto parlare di prevenzione ma di contenimento dei danni. Per il momento non é ancora possibile agire sul meccanismo ormonale per interrompere la catena dell’ereditarietà. Certamente il supporto medico a contrasto della perdita dei capelli può notevolmente rallentare o addirittura fermare la calvizie. Alcuni farmaci o terapie laser hanno ottenuto eccellenti risultati come stimoli alla crescita dei capelli.

Si può riattivare la crescita dei capelli con il Minoxidil?

Il Minoxidil è un farmaco che porta benefici al metabolismo dei capelli ed è dimostrata la sua efficacia in una certa porzione della popolazione. Funziona ma non sempre e non con tutti i tipi di calvizie. Il Minoxidil è comunque uno dei farmaci più prescritti per la cura della calvizie.

Il trapianto capelli è consigliabile? 

Il trapianto capelli è una ottima soluzione per il rinfoltimento delle zone diradate in soggetti che presentano una buona zona donatrice. Va inoltre chiarito che la tecnica chirurgica non aumenta il numero di capelli ma soltanto ridistribuisce al meglio quelli presenti. Se eseguito con tecniche valide, è una soluzione consigliabile.

A quale età é consigliabile sottoporsi al trapianto dei capelli?

Il momento teoricamente migliore per sottoporsi al trapianto è quando la caduta dei capelli è totalmente (o quasi) conclusa. Purtroppo se si segue questa filosofia, chi soffre di calvizie ed il relativo disagio psicologico, rischia di passare molti anni in attesa dell’ intervento, vivendo male la propria immagine. Il consiglio generale è che l’intervento fa fatto quando il disagio è tale da non permettere una vita serena con sé stesso e gli altri.

Se la procedura avviene in giovane età, bisogna essere consapevoli che potrà essere necessaria – nel tempo – una integrazione dell’intervento.